Quando la razionalità è solo bassa superstizione

razionalitàCredere nella razionalità e nel fatto che il mondo funzioni solo in base a regole inviolabili limita fortemente quello che possiamo ottenere. Vediamo come superare i limiti che ci autoimponiamo.

La nostra mente funziona principalmente per associazioni. Filtriamo tutto ciò che raggiunge i nostri sensi in modo da portare alla nostra consapevolezza solamente quello che in qualche modo può essere ricondotto a qualcosa di già conosciuto. Scartiamo tutto il resto.
Usare la razionalità ci porta a considerare solo una minima parte dell’esistente, al fine di farci sentire al sicuro in mezzo a ciò che possiamo in qualche modo riconoscere e catalogare.

Ma non ci rendiamo conto che in questo modo ci condanniamo a rivivere infinite volte il nostro passato. Niente di nuovo può succedere se non usciamo dai rigidi schemi imposti dalla razionalità.

Pensiamo di essere coscienti di tutto quello che esiste intorno a noi. Niente di più falso. Viviamo immersi in un enorme oceano di energia, e i nostri sensi vengono attraversati in ogni momento da miliardi di informazioni diverse. Ciò che arriva alla nostra coscienza rappresenta solo una parte infinitesimale di quella che è la vera realtà.

Le parole di Salvatore Brizzi nel suo “Il libro di Draco Daatson” rende molto bene questo concetto:

La tua razionalità è solo bassa superstizione. Chi è ancora imbrigliato nella descrizione logica e razionale del mondo è solo un primitivo che crede in un idolo.

Ebbene si, può sembrare un controsenso, ma di fatto la razionalità è solo bassa superstizione, e affidarsi solamente ad essa per comprendere il mondo è pura follia. Una follia che ci tiene sempre più prigionieri della prigione che da soli ci siamo costruiti, ignari delle infinite possibilità offerte dall’Universo.

Se avete letto questo mio precedente post siete a conoscenza di quali siano le reali potenzialità dell’Universo. In realtà la parola impossibile non esiste, è solo una invenzione della nostra mente limitata. L’uso della razionalità ci fornisce l’accesso ad un mondo limitato e irreale, ecco perché Brizzi la associa a bassa superstizione.

Oltre la razionalità c’è un mare infinito di possibilità

Potremmo attingere ad una miriade di possibilità diverse, ma la nostra razionalità ci porta a credere che il futuro sia solo una logica conseguenza del passato. Non cadiamo in questa subdola trappola.

Se è vero, come la fisica quantistica ci ha dimostrato, che le potenzialità contenute in ogni millimetro cubico di spazio sono semplicemente infinite, allora non limitiamo la nostra realtà nella falsa illusione che nulla può succedere oltre ciò che la nostra mente, guidata dalla razionalità, può concepire.
Siamo creatori che credendo in una realtà la stanno di fatto creando.

Presumiamo che l’Universo funzioni in un certo modo e poi facciamo di tutto per confermare questa nostra credenza, restando prigionieri di questa superstizione. In questo modo ci precludiamo l’accesso a un mondo, il vero mondo, apparentemente paradossale ma possibile, fatto di potenzialità infinite.
In quel mondo i miracoli accadono, e i limiti imposti dalla nostra razionalità semplicemente non esistono.

Smettiamola di sognare un sogno non nostro. Usciamo dai limiti di ciò che è razionalmente accettabile.
La svolta avviene quando accettiamo la nostra totale responsabilità nel creare la realtà, e impariamo a modellare la nostra stessa proiezione. Allora l’Universo, che non ha volontà propria, non può fare altro che adeguarsi e farci vivere, essere o avere quello che chiediamo.

Vi lascio con le bellissime parole di “Un Corso in Miracoli”, su cui meditare:

Credere che la realtà sia ciò che tu vuoi che sia
a seconda dell’uso che ne fai… è delirante.

Paolo Marrone


Se vuoi ricevere i miei post nella tua casella di posta, iscriviti alla newsletter cliccando il pulsante che trovi in basso nella pagina. Grazie.




Guarda la lista dei libri consigliati

La Guarigione Spontanea delle Credenze Book Cover La Guarigione Spontanea delle Credenze
Gregg Braden
Nuove Scienze
Macro Edizioni
2008-2012
13,5x20,5
304

Questo libro è dedicato all’accettazione dell’enorme potere che è in ognuno di noi e alla consapevolezza di non essere mai a più di una credenza di distanza dal nostro più grande amore, dalla nostra più profonda guarigione e dai nostri più straordinari risultati e miracoli.

La scienza ha riconosciuto che siamo immersi in un universo plasmabile, dove ogni cosa e fenomeno, dagli atomi alle cellule e alle galassie, cambia per adeguarsi alle nostre credenze. Ne consegue che il nostro unico limite è rappresentato dal modo in cui ognuno di noi concepisce e percepisce se stesso nell’universo di cui è co-creatore.

In queste pagine scoprirete come utilizzare l’immenso potere che deriva dalle vostre credenze... (Continua)

Informazioni su Paolo Marrone

Da anni si occupa dello studio delle vere leggi dell’Universo, attraverso la riscoperta dei profondi legami esistenti tra le antiche dottrine orientali e le più recenti scoperte nel campo della fisica quantistica. Ha intrapreso da tempo un percorso di crescita personale attraverso la partecipazione a scuole dei migliori coach a livello mondiale, come la School of Enlightenment di Ramtha, la Mastery University di Anthony Robbins e il Quantum Leap di T. Harv Eker, solo per citare le più importanti, e ama condividere le sue scoperte e le sue riflessioni su questo blog. E’ anche co-autore di “La via della Creazione Consapevole” e autore de "Il monaco che non aveva un passato".
Questa voce è stata pubblicata in Fisica Quantistica, Legge di Attrazione e contrassegnata con , , , , , , . Contrassegna il permalink.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la cifra mancante: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.