Ma davvero esiste la verità assoluta?

Esiste la verità assoluta?Crediamo che esista da qualche parte una verità assoluta che ci sveli come funziona davvero il mondo, e che ci indichi la retta via nel nostro percorso spirituale. Sfatiamo questa credenza una volta per tutte.

Nel periodo in cui Campo Quantico regalava il corso “La Chiave Suprema” di C. Haanel, ricevetti una mail da uno dei lettori che stava leggendo le dispense del corso.
La mail conteneva la seguente domanda:

Buonasera Paolo, leggo con molto interesse le lezioni de “La Chiave Suprema”, delle quali sento con fiducia la verità… ma, leggendo da anni i discorsi di Osho, più recentemente Tolle, dove viene messo l’accento sull’assenza di pensieri, sull’assenza di desideri, che la mente è il problema, mi sembra che invece qui venga enfatizzato il controllo della mente, il desiderare ecc.
Può dirmi qualcosa riguardo a questo mio dubbio?

Ringrazio di cuore Luca, l’autore della mail, perchè mi ha dato lo spunto per scrivere questo articolo, e di chiarire finalmente questo aspetto controverso.
Ci tengo a chiarirlo anche perchè recentemente ho ricevuto alcune critiche riguardo a un mio precedente articolo dove spiegavo che bisogna avere sempre una aspettativa positiva nei riguardi delle cose desiderate. La critica verteva sull’assunzione che le aspettative sono deleterie, e che quindi bisogna lasciare che tutto sia.

Assolutamente vero, ma l’errore che si fa in questi casi è proprio quello di credere che esista una verità uguale per tutti, e che quindi si possano dettare regole di comportamento molto precise da seguire per continuare in modo corretto il proprio percorso di crescita spirituale.

I tre livelli di consapevolezza

Ho già avuto modo di spiegare in un altro articolo di questo blog che il percorso di crescita di ognuno di noi passa attraverso tre tappe fondamentali, che corrispondono a tre diversi livelli di consapevolezza.
Li riassumo qui velocemente:

  1. Al primo livello appartengono quelle persone (la stragrande maggioranza degli abitanti di questo pianeta) che credono di essere limitati al corpo fisico, e di vivere in un mondo ostile e separato da loro. Queste persone sicuramente non leggono questo blog, ma nemmeno i libri di Osho o di Tolle.
  2. Al secondo livello appartengono le persone che hanno scoperto l’esistenza della legge di attrazione, e iniziano a comprendere che il pensiero e il proprio atteggiamento influenza in qualche modo la realtà che sperimentano. Per rispondere alla domanda di Luca, è a questa categoria di persone che Charles Haanel si rivolge nel suo corso “La Chiave Suprema”, insegnando come prendere il controllo della mente per indirizzarla verso le cose desiderate.
  3. Al terzo livello appartengono invece le persone (davvero poche a dire il vero) che hanno compreso che il mondo in cui viviamo è solo il frutto di una illusione, e che stiamo semplicemente vivendo all’interno di un grande sogno. Chi è arrivato a questo livello di consapevolezza non è più attaccato alle cose terrene, perchè ne comprende la totale illusorietà. E’ come quando ci svegliamo la mattina e ripensiamo al sogno appena fatto durante la notte. Di sicuro non ci interessiamo più di tanto alle cose che abbiamo sognato, perchè sappiamo che non hanno assolutamente nulla di reale.

Osho e Tolle hanno sicuramente raggiunto questo ultimo livello, ed è per questo che possono dire con la massima autorevolezza che bisogna far silenzio nella propria mente, e che non ha alcun senso nutrire desideri verso i beni materiali.

Ma ora vi chiedo: alzi la mano chi, tra i lettori di questo blog, ha raggiunto un tale livello di “illuminazione” da avere l’intima certezza che tutto ciò che vediamo non ha alcuna consistenza reale, e quindi ha perso l’interesse e l’attaccamento verso qualsiasi cosa materiale.

…non vedo mani alzate.

Ecco qual è il problema. Non possiamo enunciare frasi sentite da altri, come se fossero verità assolute che devono essere rispettate da tutti, indistintamente.
Non esiste una verità valida per tutti. Ognuno di noi vive all’interno di un suo mondo del tutto personale, in cui sono valide solo ed esclusivamente regole personali. Quelle regole segnano il confine del proprio mondo, e fino a che il nostro livello di consapevolezza non ci permette di uscire al di fuori di quei limiti, nessuno può impartirci verità preconfezionate di alcun tipo, fossero anche dette da un illuminato dello spessore di Osho o di Tolle.

Così come a una persona appartenente al primo livello di consapevolezza non possiamo dire che il pensiero crea la realtà, perchè ci prenderebbe per pazzi, così non possiamo dire ad una persona del secondo livello di abbandonare qualsiasi aspettativa o desiderio verso le cose materiali. Non potrebbe capire, convinta com’è che si possa essere felici solo attraverso la realizzazione dei propri desideri materiali.

Impariamo a farci sempre delle domande. Chiediamoci se quello che ci viene detto rappresenta una verità anche per noi. Non prendiamo per buona qualsiasi cosa solo perchè l’abbiamo sentita dire da altri. E soprattutto, non enunciamola come se fosse una certezza indiscutibile, ergendoci a paladini della Verità Assoluta. Sicuramente Tolle è in grado di vivere libero da qualsiasi attaccamento, ed è anche giusto che lui ci indichi la strada, ma ricordiamoci che finchè anche noi non avremo imboccato e percorso fino in fondo quella stessa via, quella verità potrebbe non rappresentare anche la nostra verità.

Andiamo avanti allora nel nostro percorso spirituale con la massima tranquillità, e convinciamoci del fatto che tutto arriverà al momento gusto, senza alcun bisogno di bruciare le tappe.
Sogna e mantieni sempre un atteggiamento positivo nei confronti della vita, ama tutto ciò che ti circonda, e ringrazia l’Universo per tutte le cose belle che ti ha donato e ti donerà, compresa quella bella villa con piscina che ti piacerebbe tanto possedere… in barba ai Severi Enunciatori della Verità Assoluta.

Paolo Marrone


Se vuoi ricevere i miei post nella tua casella di posta, iscriviti alla newsletter cliccando il pulsante che trovi in basso nella pagina. Grazie.




Guarda la lista dei libri consigliati

Istruzioni Mancanti sulla Vita Book Cover Istruzioni Mancanti sulla Vita
Joe Vitale
Legge di Attrazione
Il Punto d'Incontro Edizioni
2012
14x18
215

"La felicità è una scelta!". Ti diranno che non è vero, ma è proprio cosi: puoi essere felice, adesso. Come? Joe Vitale sa che per essere nelle condizioni di vivere la vita dei tuoi sogni ti mancano alcune "istruzioni fondamentali", vere e proprie chiavi per avere accesso alla dimensione in cui tutto ti è possibile, dove puoi ottenere tutto ciò che desideri.

Istruzioni mancanti sulla vita è un manuale illuminante che raccoglie tutte le indicazioni necessarie su come puoi vivere appieno la vita e trarne il meglio:

  • Comprendere e mettere a frutto le tue capacità
  • Scoprire il tuo potenziale e realizzarlo
  • Instaurare rapporti ottimali
  • Capire e sfruttare i meccanismi universali che realizzano positivamente le azioni
  • Prendere coscienza della tua perfezione

A questi argomenti Joe Vitale abbina una serie di questioni pratiche, fornendo le istruzioni per trovare le risposte... (Continua)

Informazioni su Paolo Marrone

Da anni si occupa dello studio delle vere leggi dell’Universo, attraverso la riscoperta dei profondi legami esistenti tra le antiche dottrine orientali e le più recenti scoperte nel campo della fisica quantistica. Ha intrapreso da tempo un percorso di crescita personale attraverso la partecipazione a scuole dei migliori coach a livello mondiale, come la School of Enlightenment di Ramtha, la Mastery University di Anthony Robbins e il Quantum Leap di T. Harv Eker, solo per citare le più importanti, e ama condividere le sue scoperte e le sue riflessioni su questo blog. E’ anche co-autore di “La via della Creazione Consapevole” e autore de "Il monaco che non aveva un passato".
Questa voce è stata pubblicata in Crescita personale, Crescita spirituale e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

6 risposte a Ma davvero esiste la verità assoluta?

  1. angela scrive:

    Ho letto il libro La Via della Creazione Consapevole, in qualche occasione ho creato una occasione consapevole e si è verificato…..nel libro ho avuto la splendida occasione di trovare il titolo Conversazioni con Dio….splendido…e inoltre ho apprezzato molto il blog appena scritto ….e in particolare…..Sogna e mantieni sempre un atteggiamento positivo nei confronti della vita…….Grazie di cuore
    Angela

  2. Loredana scrive:

    Grazie Paolo ancora una volta per questo articolo e per tutti gli altri precedentemente pubblicati! Sono sempre motivo di nuove riflessioni! E non è mai un caso che li legga al momento opportuno! Le mie vicende personali mi hanno portata a progredire nella consapevolezza del percorso della mia anima in questa dimensione terrena e sto sperimentando la sensazione che tu affermi in questo articolo di far parte di una grande illusione! M’immagino come un’attrice che recita il suo ruolo nella commedia della vita; a volte buffa, tragica, comica, seriosa, sofferente….ma sempre una commedia! Il nostro ego prende tutto sul serio, troppo! E vuole farci credere che ha ragione lui! La nostra parte divina, spirituale, invece ci sussurra che tutto quanto ci accade è per fare esperienza, per capire, per evolverci, per comprendere la differenza tra paura (senso di precarietà; mancanza di qualcosa, amore, denaro, salute, lavoro, amicizia, benessere; sentimenti negativi quali odio, rancore, risentimento, invidia, gelosia, desiderio di controllo e possesso) e amore (completezza, perfezione nell’imperfezione, unione con l’Essere Divino, col nostro Sè). Ma, a volte, scivolo sulla classica buccia di banana! Ad esempio all’avvicinarsi di una scadenza importante di un impegno finanziario, ecco che si materializza il timore di non farcela! Hai voglia a ripeterti che è solo un’illusione! La scadenza arriva e si deve trovare una soluzione. Allora mi chiedo cosa devo ancora imparare, quale insegnamento si cela dietro gli accadimenti del mio vissuto. Quando ci si fa delle domande, prima o poi la risposta arriva: tramite un articolo su di un blog, una frase di una canzone, un libro, un cartellone pubblicitario, una frase ascoltata per caso…..e niente è mai un caso! Ho fiducia! Pian piano arriveranno tutte le risposte alle domande che non hanno ancora avuto risposta! L’Universo è infinito e anche la sua abbondanza è infinita….devo scoprire come fare spazio alla sua abbondanza nella mia vita; quando sarà non temerò più le scadenze! Grazie e buona vita!

  3. Marisa scrive:

    Caro Paolo, ti seguo da anni per il modo semplice, efficace e concreto che hai di esporre i concetti. Come ti ho già scritto in altre occasioni hai un modo unico di proporre idee trite e ritrite che ormai si possono trovare ovunque, ma…. le tue sono diverse, propongono stimoli e riflessioni profonde. Io, dopo aver letto molto per gran parte della mia vita, è da qualche anno che sono in stand by diciamo, non riesco più a leggere. La trilogia del transurfing di Zeland è lì da anni che aspetta di essere letta, perché non sono riuscita ad andare oltre a qualche decina di pagine del primo libro, e anche per altri autori è stato così. Ora in ogni tua mail che apro c’è l’invito da me ignorato a leggere il tuo libro, e…….. oggi è diverso, mi sento “chiamare”…
    Ho scoperto che sul Giardino dei libri il tuo è momentaneamente esaurito (complimenti!), ma mi avviseranno quando arriverà. Sono certa che quando inizierò a leggerlo arriverò alla pagina finale, e ti farò sapere. Grazie di tutto, Marisa

    • Paolo Marrone scrive:

      Grazie Marisa per le bellissime parole. Mi spronano a fare sempre meglio.
      Poi mi farai sapere se il libro ti è piaciuto 🙂
      Un abbraccio
      Paolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la cifra mancante: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.