La mente come mezzo per esprimere l’Idea Divina

La mente come mezzo per esprimere Idea DivinaSe vuoi conoscere il vero scopo per il quale ti sei incarnato, leggi questo articolo e scoprirai la tua vera natura.

Cominciamo questo articolo parlando di spirito e materia. Ti sei mai chiesto davvero cosa distingue questi due concetti? Proviamo a scoprirlo insieme con qualche ragionamento.
Prima di andare avanti, però, desidero rispondere alla domanda che molti si faranno, riguardo allo scopo di un articolo così ‘filosofico’, all’interno di un blog che si occupa di temi inerenti la legge di attrazione e di come utilizzarla al meglio per controllare la propria vita.

La risposta è semplice. Un Creatore Consapevole, a mio avviso, è uno studioso delle leggi della natura che vuole diventare consapevole, appunto, di come la realtà funzioni, allo scopo di poterne sfruttare le leggi a proprio vantaggio. E’ una necessità, e chi non è disposto ad imparare non può pretendere di acquisire la ‘consapevolezza’ necessaria a diventare padrone del proprio destino.
Questo articolo non è per nulla semplice da digerire, e molti abbandoneranno la lettura. Te la senti di essere tra i pochi che arriveranno fino in fondo?

Vediamo allora cosa si può dire sulla materia. Sicuramente saremo tutti concordi sul fatto che è qualcosa caratterizzata da una forma. Avere una forma vuol dire occupare uno spazio ben definito, avere una qualche consistenza (solida, liquida, gassosa, ecc.), e altre caratteristiche come colore, odore, temperatura, ecc.
Ma cosa significa occupare uno spazio? Vuol dire che parti diverse dello stesso oggetto materiale sono separate da uno spazio fisico, e per poter percorrere la distanza da un punto ad un altro bisogna impiegare del tempo. I concetti di tempo e spazio sono quindi indivisibili da quello di materia. Potremmo dire che la materia ha bisogno dello spazio e del tempo per poter essere definita, e quindi esistere.

Bene. Passiamo ora allo spirito. Per sgomberare qualsiasi dubbio, per spirito intendo l’essenza, intesa come l’idea o concetto che sta alla base di qualsiasi essere, vivente e non. In quanto essenza, idea o concetto, sicuramente lo spirito non ha forma, e di conseguenza non occupa alcuno spazio fisico. Viene da sè allora che non ha nemmeno senso parlare di tempo, perchè non occupando alcuno spazio, non c’è alcun tempo di percorrenza per colmare alcuna distanza. Possiamo allora dire che lo spirito vive al di fuori del tempo e dello spazio.

Fin qui siamo rimasti molto aderenti a quello che possiamo leggere in qualsiasi testo di fisica, per quanto riguarda la materia, e di teologia, per quanto riguarda lo spirito.
Ma analizziamone meglio le implicazioni. Dire che lo spirito esiste in una realtà che prescinde dal tempo e dallo spazio, vuol dire anche che lo spirito deve necessariamente essere ovunque, sia nel tempo che nello spazio. Ovunque vuol dire che si tratta di qualcosa di infinito e di eterno. Ma questo vuole anche dire che non ha alcuna diretta relazione con altre parti. Esiste cioè indipendentemente da qualsiasi condizione pregressa (non ha senso parlare di pregresso in assenza di tempo) e da qualsiasi vincolo con altre entità esterne ad esso (non ha senso parlare di qualcosa di ‘esterno’ in assenza di spazio).

Non avrete problemi a comprendere questo ultimo passo riferendolo alle proprietà del pensiero. Possiamo infatti immaginare qualsiasi cosa (per esempio possedere una villa con piscina, o saper volare), senza alcuna relazione con cose o eventi reali.

La somma dei pensieri costituisce il Tutto

Se tutti i pensieri hanno la proprietà di essere infiniti ed eterni, possiamo allora dire che la somma di tutti i possibili concetti o idee rappresentino il Tutto, o Universo, o Dio per chi è credente.
Possiamo pensare a questo Tutto come la somma di qualsiasi concetto, impersonale per sua natura (perchè non riferito e non riferibile a nessuna cosa in particolare) e inespresso, perchè esistente solo in forma ‘potenziale’.

Infatti un concetto espresso altro non è che un oggetto materiale, espressione fisica di quel concetto.
Ecco allora spiegato il rapporto tra spirito e materia. Prima di tutto deve esistere una idea, o concetto, che poi viene espresso in forma fisica nel mondo reale, attraverso la materia.
Ogni oggetto materiale deve avere alla base una idea che ne plasma la forma nello spazio e nel tempo. (Non so perchè, ma questa cosa mi ricorda molto la Legge di Attrazione 😉 )

La nostra mente è lo strumento attraverso il quale si “attua” il pensiero Divino

Ma ecco che veniamo all’argomento centrale di questo post, espresso nel suo titolo, e scopriamo lo scopo della mente come mezzo per esprimere l’Idea Divina.
Qui entriamo in gioco noi, esseri viventi dotati di una mente pensante. Pensante vuol dire che siamo in grado di dar vita ai concetti e alle idee che stanno alla base di qualsiasi cosa o evento della nostra realtà materiale.

Ecco allora svelato il nostro scopo. Siamo degli “attuatori” della Coscienza Infinita, che per sua natura, come abbiamo visto, è impersonale e quindi inespressa. La Coscienza Infinita è energia “potenziale” che ha bisogno di essere pensata e riconosciuta per potersi esprimere nel mondo reale. Essa si esprimerà esattamente come noi le permettiamo di esprimersi.

Ecco allora che arriviamo finalmente a spiegare il concetto di Creatore Consapevole: se il nostro livello di consapevolezza ci fa credere in una realtà casuale dettata dal caos, allora la nostra realtà rispecchierà tale credenza, dato che le permettiamo solo di essere “caos”.
La realtà si esprime attraverso di noi, e tale espressione obbedisce all’idea che abbiamo della realtà che andiamo a creare.
Alla base di tutto quindi c’è l’Idea Iniziale, ed è grazie alla volontà di esprimerla nel mondo reale, e quindi di farne esperienza, che l’Universo fisico è stato creato.

La Coscienza Infinita, impersonale per sua natura, ha bisogno della nostra mente ‘personale’ per trovare la sua espressione, e tutto il potere di controllare questo processo viene dato in risposta solo a coloro che riconoscono l’esistenza dell’Idea Primordiale e ne rispettano i principi.

Consapevolezza è potere, non scordarlo mai.

Paolo Marrone


Se vuoi ricevere i miei post nella tua casella di posta, iscriviti alla newsletter cliccando il pulsante che trovi in basso nella pagina. Grazie.


La Realtà Ultima

Guarda la lista dei libri consigliati

Chiedi e ti sarà dato, se sai come farlo Book Cover Chiedi e ti sarà dato, se sai come farlo
Ester e Jerry Hichs
Legge di Attrazione
My Life Edizioni
2010-2012
14,5x21
330

Uno degli aspetti essenziali della Legge dell'Attrazione è la comprensione dell'arte del permettere. Se chiedi all'universo di darti ciò che desideri, l'universo provvederà affinché tu lo ottenga: ma ciò accadrà solo se permetti a questo processo di avvenire.

Questo libro contiene i semplici indispensabili passi per permettere ai desideri di manifestarsi nella realtà della tua esistenza. E' il manuale pratico di Abraham... il seguito di "Chiedi e ti sarà dato".

Abraham, un gruppo di maestri evoluti incorporei, veicolano la loro visione del mondo attraverso Esther Hicks, cercando di offrire una serie di messaggi amorevoli per guidare le persone verso una chiara connessione al proprio Essere Interiore. Oggi si aggiunge un nuovo libro ai precedenti... (Continua)

Informazioni su Paolo Marrone

Da anni si occupa dello studio delle vere leggi dell’Universo, attraverso la riscoperta dei profondi legami esistenti tra le antiche dottrine orientali e le più recenti scoperte nel campo della fisica quantistica. Ha intrapreso da tempo un percorso di crescita personale attraverso la partecipazione a scuole dei migliori coach a livello mondiale, come la School of Enlightenment di Ramtha, la Mastery University di Anthony Robbins e il Quantum Leap di T. Harv Eker, solo per citare le più importanti, e ama condividere le sue scoperte e le sue riflessioni su questo blog. E’ anche co-autore di “La via della Creazione Consapevole” e autore de "Il monaco che non aveva un passato".
Questa voce è stata pubblicata in Crescita spirituale, Fisica Quantistica, Legge di Attrazione e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

4 risposte a La mente come mezzo per esprimere l’Idea Divina

  1. Imma Di Stefano scrive:

    Grazie mi hai dato ancora piu’ conferma degli insegnamenti che io ho avuto dove mi e’ stato insegnato che noi esseri viviamo affinche’ il Dio o come noi lo vogliamo chiamare essendo puro spirito agisce attraverso di noi infatti c’e’ un libro che si chiama “io sono” che puo’ chiarire ancora meglio il tutto e cioe’ la consapevolezza che ognuno di noi e’ il tutto

  2. barbara scrive:

    ho letto il tuo articolo fino in fondo!!!! Vorrei aggiungere che il nostro scopo è essere creatori consapevoli del nostro benessere perchè solo così siamo in linea con il nostro creatore e vivendo felici doniamo a chi ci sta intorno il meglio di noi. Questa cosa mi è ormai chiara, non altrettanto facile il metterla in atto!! grazie per i tuoi articoli molto interessanti.

  3. pask scrive:

    Quando si arriva a diventare più consapevoli si acquisisce di pari passo una serenità legata alla propria sicurezza in se stessi,e seguirà anche l’autostima. … elementi fondamentali di comune carenza a molti….

  4. Pingback: QUAL’E IL VERO SCOPO PER IL QUALE TI SEI INCARNATO? |

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la cifra mancante: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.