Lo strano mondo della fisica quantistica

Benvenuto, questo è un blog di riflessioni sulle potenzialità del nostro pensiero alla luce delle ultime teorie della fisica quantistica.

Parleremo di come applicare la Legge d’Attrazione, di come migliorare se stessi grazie alla conoscenza dei meccanismi del nostro subconscio, ma anche di argomenti più “esoterici” come il raggiungimento della pace interiore grazie al lavoro di trasformazione alchemica delle emozioni negative.

In questo primo articolo proverò ad illustrare quello che la scienza sta scoprendo negli ultimi decenni, e come queste scoperte stanno rivoluzionando il modo di pensare di molti.

Il titolo di questo blog la dice lunga su quale sarà la base da cui partirò. Il termine Campo Quantico non è un vero e proprio termine scientifico, ma credo che dia una ottima idea di quello di cui stiamo parlando.

Andiamo con ordine, anzi no, iniziamo dalla fine, e cioè diciamo subito dove voglio andare a ‘parare’: il mondo così come lo vediamo e percepiamo non esiste, o meglio, esiste solo nella nostra mente. Sembra pazzesco? Lo è, o meglio, lo può sembrare a causa delle nostre convinzioni, radicate nel nostro subconscio da centinaia o migliaia di anni di pensiero comune (se tutti credono in una cosa, è più semplice crederle ciecamente, piuttosto che metterla in discussione).

Proviamo a spiegarne il perchè.

La fisica classica o deterministica

Fino alla fine del XIX secolo, gli scienziati erano convinti che il mondo rispondesse ad una fisica deterministica, dove la prima regola era che ogni azione era la naturale conseguenza di una causa, qualunque essa fosse. Per esempio, è normale per tutti noi accettare che se imprimiamo una forza ad un oggetto, questo inizi a muoversi con un moto accelerato, proporzionale alla forza impressa. Da questo ne consegue che, conoscendo tutte le variabili in gioco (massa, forza impressa, resistenza dell’aria, …) si potrebbe facilmente derivare la traiettoria (in termini di posizione e velocità) dell’oggetto in qualsiasi momento successivo. Estendendo questo concetto, la fisica deterministica afferma che, se si potessero misurare tutte le proprietà delle particelle elementari che compongono l’Universo, e avendo a disposizione la potenza di calcolo necessaria, si potrebbe calcolare con esattezza l’evoluzione dell’Universo stesso in qualsiasi istante futuro.

Logico, no? Peccato che la verità è un’altra.

Negli anni ’20 del XX secolo, una nuova teoria si è fatta strada tra gli scienziati, una teoria che tentava di spiegare strani risultati che venivano sperimentati nei laboratori scientifici, che erano in totale disaccordo con la fisica classica.

La fisica quantistica (cioè, il mondo non funziona come ce lo immaginavamo)

Nei primi anni del XX secolo, alcuni scienziati (M. Planck, N. Bohr ed altri) svilupparono una teoria (avvalorata da numerosi esperimenti reali) secondo la quale la vera natura della materia non è corpuscolare (o almeno non solo), ma presenta una intrinseca natura ondulatoria, dove ogni onda descrive la probabilità che una certa particella esista in un determinato punto dello spazio-tempo.

Probabilità??? Si, ogni particella non esiste come ce la immaginiamo noi, e cioè come un piccolo ‘grumo’ di materia (o come una pallina, così come erroneamente disegnata in molti testi di fisica), ma come una semplice onda di probabilità. La particella potrebbe stare quì, ma con una differente probabilità potrebbe invece stare lì. O in qualunque altro posto, con differenti probabilità.

Si va bene, ma chi decide dove esattamente la particella dovrebbe apparire se uno scienziato tentasse di misurarne la posizione? Reggetevi forte: chi decide è lo scienziato stesso, attraverso l’atto dell’osservazione.

In altre parole, fino a che nessuno osserva la particella, questa esiste solo come un’onda di probabilità, mentre appena qualche ‘osservatore’ decide di osservarla, allora l’onda scompare (i fisici dicono che collassa), ed al suo posto compare la particella. Dove? Esattamente dove l’osservatore si aspetta di trovarla.

Strano ma vero. Gli scienziati si stanno sempre più rendendo conto che l’osservatore, a differenza di quanto si credeva nella fisica classica, ha un ruolo centrale nel determinare gli effetti di qualsiasi fenomeno fisico.

Più esattamente, ha un ruolo determinante nel Creare la realtà che ci circonda.

Il Creatore che è in ognuno di noi

A questo punto le conclusioni che si possono trarre sono assolutamente sconvolgenti. Se noi determiniamo, attraverso l’osservazione,  l’esistenza di qualsiasi particella, viene da se dedurre che noi siamo i ‘Creatori’ della nostra realtà. Come creiamo? La riposta è strabiliante (almeno apparentemente): che ci crediate o no, noi creiamo la materia con la nostra mente, esercitando il nostro pensiero.

Lo facciamo tutti i giorni, in modo inconsapevole, semplicemente pensando a quella che è la nostra realtà quotidiana, in base a quelle che sono le convinzioni su come la realtà dovrebbe essere.

Spingendoci un pò oltre, possiamo ipotizzare che il mondo là fuori non esiste fino a che non lo immaginiamo, e immaginandolo lo creiamo.

Forse non esiste il concetto di là fuori separato dal qui dentro (la nostra mente), dato che tutto deve esistere nella nostra mente, prima di manifestarsi là fuori. La realtà molto probabilmente è solo una proiezione dei nostri pensieri.

Ma su questo torneremo molto presto su questo blog.

Paolo Marrone


Se vuoi ricevere i miei post nella tua casella di posta, iscriviti alla newsletter cliccando il pulsante che trovi in basso nella pagina. Grazie.




Guarda la lista dei libri consigliati

La Matrix Divina Book Cover La Matrix Divina
Gregg Braden
Nuove Scienze
Macro Edizioni
2007
13,5x20,5
300

Ogni cosa nell'Universo, dalla nostra abbondanza materiale al successo nelle relazioni, dalla pace nel mondo alla guarigione del nostro corpo, è parte di un campo intelligente di energia che unisce le cose - la Matrix Divina.

Le più recenti scoperte ci mostrano che questa matrice funziona in modo simile a un computer Cosmico Cosciente, che usa le nostre emozioni e credenze per creare la Realtà.
La tecniche che descrivono questo processo sono parte del Grande Segreto, che ...Continua a leggere

Informazioni su Paolo Marrone

Da anni si occupa dello studio delle vere leggi dell’Universo, attraverso la riscoperta dei profondi legami esistenti tra le antiche dottrine orientali e le più recenti scoperte nel campo della fisica quantistica. Ha intrapreso da tempo un percorso di crescita personale attraverso la partecipazione a scuole dei migliori coach a livello mondiale, come la School of Enlightenment di Ramtha, la Mastery University di Anthony Robbins e il Quantum Leap di T. Harv Eker, solo per citare le più importanti, e ama condividere le sue scoperte e le sue riflessioni su questo blog. E’ anche co-autore di “La via della Creazione Consapevole” e autore de "Il monaco che non aveva un passato".
Questa voce è stata pubblicata in Fisica Quantistica e contrassegnata con . Contrassegna il permalink.

21 risposte a Lo strano mondo della fisica quantistica

  1. CarmeloVecchio scrive:

    La fisica quantistica è una delle mie più grandi passioni. Complimenti per questo importante Blog; la tua presentazione è ottima e molto entusiasmante. Ti seguirò volentieri.

  2. Pingback: Fisica quantistica e potenzialità del nostro pensiero Campo Quantico | Legge di Attrazione | Scoop.it

  3. Fabiola Pacetti scrive:

    Grazie x tutto ♡Namast.

  4. Pier Luigi scrive:

    Sicuramente stiamo vivendo un tempo di cambiamenti e lo stiamo vivendo con una consapevolezza diversa rispetto ai nostri padri. E’ una riscoperta di antiche leggi fisiche e quantistiche dimenticate da secoli di oscurantismo. Grazie per questa luce che stai trasmettendo.

  5. Lia Serra scrive:

    Grazie per il materiale messo a disposizione. Lo trovo interessante e molto stimolante!!

  6. Carla scrive:

    Anche io mi sono avvicinata quasi per caso(?)alla Legge di Attrazione e per caso sono arrivata in questo blog. Ma ora so che il caso non esiste. Grazie

  7. carlo scrive:

    Devo dire che non capisco diverse cose che riguardano la fisica quantistica la prima è : come può la scienza contemporanea permettere che nelle scuole non venga insegnata detta materia ( tra l’altro molto affascinante ), la seconda cosa che non capisco è la seguente: se realmente il cervello dipende dalla mente , coscienza ecc,ecc, allora vuol dire che questa forza è slegata dal corpo fisico e quindi dovrebbe sopravvivere anche dopo il decadimento cioè la morte di questo , vorrei saper la tua opinione sull’argomento.
    P.S. leggo con molta dovizia certi articoli ma i tuoi li trovo spiegati molto bene ed è per questo che ti ringrazio.

    • Paolo Marrone scrive:

      Carissimo Carlo, in realtà la fisica quantistica viene studiata nelle scuole, ma solo nelle università. Sicuramente un accenno ad essa sarebbe molto importante se fatto anche nelle scuole superiori, magari non approfondendo la parte matematica, che è molto complessa, ma soffermandosi invece sui concetti che rimettono in discussione molte delle nostre credenze comuni. Non so se è un problema di conoscenza (servono docenti molto preparati per farlo) o di volontà politica (in fondo fa comodo mantenere le persone ad un basso livello di conoscenza sulle vere leggi che governano la realtà). Riguardo alla tua seconda domanda, hai perfettamente colto il punto, che io cerco di sottolineare in tutti gli articoli del mio blog. Siamo molto di più del corpo e della mente in cui normalmente ci identifichiamo. Siamo esseri divini e immortali, e come tali siamo i creatori del nostro mondo. Il nostro corpo è solo uno strumento che ci serve per poter fare esperienza di questa realtà, e questa vita non è la sola che viviamo, dato che siamo esseri antichissimi, che hanno già vissuto centinaia o migliaia di vite. Un caro saluto. Paolo

  8. adele scrive:

    È la prima volta che trovo un articolo cosi meravigliosamente semplice e comprensibile da capire e applicare.grazie

  9. donatella scrive:

    Se il caso non esiste, allora vuol dire che da ieri mi è successo qualcosa. Sono ignorante in materia e piano piano sto entrando in un mondo molto interessante, ma non so da cosa iniziare a leggere….potrei avere dei suggerimenti per favore?

    ringrazio in anticipo 🙂

    • Paolo Marrone scrive:

      Carissima Donatella, in questo blog trovi una rassegna di libri consigliati. Io comincerei con alcuni libri della sezione “Legge di Attrazione”, come per esempio “Chiedi e ti sarà dato” o “The Key”, che io considero dei classici assolutamente imperdibili. A seguire puoi continuare se vuoi con gli altri libri della stessa sezione, o passare, per qualcosa di più orientato alla crescita personale, a “Conversazioni con Dio”, e poi ai libri di Salvatore Brizzi, tra cui ti consiglio “Officina Alkemica” e “Il libro di Draco Daatson”. E’ comunque difficile dare una indicazione precisa, perchè ognuno segue un percorso di crescita diverso. Quello che mi sento di consigliarti è di seguire il tuo cuore, e leggere il libro che “senti” adatto a te per quel momento (nulla accade a caso, appunto). Non siamo noi a scegliere i libri, ma sono loro a scegliere noi 😉

  10. chiara scrive:

    L’articolo che stavo proprio aspettando! Complimenti Paolo! Qualche lettura da consigliare sull’argomento (oltre al libro citato)? Grazie 🙂

  11. cinzia scrive:

    se tutto esiste nella mia testa nessuno esiste pertanto ci sono solo io….quindi chi sta scrivendo questo blog?????IO?????

  12. cinzia scrive:

    se è come dici in quell’articolo cosa ne faccio io di tutto questo ? Cosa si vuole da me ? se mi risveglio io siamo svegli tutti se esisto solo io ! non è cosi chiaro o meglio tu sei chiarissimo ma io mi confondo un po’.
    comunque grazie davvero e voglio dirti che le dispense sono un bel regalo e i libri che suggerisci li ho già letti mi manca proprio il tuo che acquisterò appena possibile.

    • Paolo Marrone scrive:

      Continua a studiare Cinzia, come stai già facendo, e vedrai che le cose si chiariranno un pò alla volta. Nessuno vuole niente da te. Sei un essere divino che ha deciso di fare esperienza di questa vita terrena. Forse se ti dicessi che io, tu, e tutte le persone che vedi intorno a te fanno parte di un unico ‘IO’, magari potrebbe aiutarti nella tua comprensione?

  13. daniela scrive:

    finalmente questo concetto mi è apparso chiaro. Avevo visto alcuni video di Gregg Braden ma non riuscivo a capire, non mi era chiaro cosa intendesse, per me rimanevano concetti slegati.
    Grazie Paolo, sono bulimica di questo sapere, ho già acquistato il tuo libro ed al momento tu ed Igor siete le persone che sto seguendo con maggiore interesse, integrando qua e là con quello che incontro per caso.

  14. Enrico Beretta scrive:

    “tutto deve esistere nella nostra mente, prima di manifestarsi là fuori. La realtà molto probabilmente è solo una proiezione dei nostri pensieri”. … Mi piace.
    Nulla si manifesta la fuori… il la fuori non esiste. Siamo noi che dobbiamo riuscire a vivere interamente nella nostra mente. La nostra vera vita si svolge nei nostri pensieri ma noi siamo consapevoli solo di parti ridotte di essi e ci facciamo distrarre dalle immagini che essi riflettono. L’Essere che chiamiamo Dio o Primo Pensatore Sa giocare nel e con il Suo pensiero e non ha più bisogno, come noi, di educare la mente riuscendo così, in un certo modo, a saltare fra le realtà lasciando al Suo Cuore la decisione di quale “Vita ” vivere.
    La mente è la cosa più difficile e divertente da educare… dobbiamo educarla a cercare nel nostro cuore il più intimo dei nostri desideri e quando ci riusciremo (Quando l’avremo trovato) Tutto Sarà Fatto per noi e per tutto il nostro intorno. Buona vita, buon cammino e buona riuscita.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la cifra mancante: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.