“Attuatori” di un Disegno Divino?

camera oscura Riesco perfettamente a immaginare l’emozione di quello scienziato che, agli inizi del XX secolo, in un piccolo laboratorio fotografico, estraeva le due grandi lastre di materiale fotosensibile dal bagno di sviluppo per verificare quale immagine fosse rimasta impressa dopo l’esposizione per diverse ore al bombardamento di elettroni fatti passare attraverso un pannello con due fenditure, come previsto dal famoso esperimento ideato circa un secolo prima da Thomas Young.

La prima delle due lastre era stata impressa dopo aver piazzato un sensore in prossimità di una delle due fessure per rivelare quali e quanti elettroni passassero per quella fessura. La seconda lastra invece era stata impressa con il sensore spento. La fioca luce di una candela schermata da un vetro rosso che illuminava quel piccolo laboratorio fotografico rendeva l’atmosfera irreale, ed evidenziava le numerose rughe sulla fronte corrucciata del giovane ricercatore, segno evidente del fatto che non stava più nella pelle mentre osservava l’immagine che lentamente compariva sulle due lastre umide appese ad asciugare.

Quel giovane ricercatore sapeva che se sulla prima lastra fossero comparse solo due bande più chiare, avrebbe avuto la prova che cercava. Finalmente il momento era arrivato, e la fioca luce di quel piccolo laboratorio non gli impedì di notare che sulla prima lastra stavano in effetti comparendo solo due strisce più chiare, a differenza dell’altra, dove invece se ne potevano contare almeno una decina.  

Quella era la prova che l’osservazione fatta con quel sensore modificava il comportamento degli elettroni, che smettevano di comportarsi come onde per ‘collassare’ e diventare particelle, le uniche in grado di giustificare le due bande chiare che quello scienziato, con occhi pieni di emozione, stava osservando su quella lastra fotografica. Il mondo, o meglio la visione del mondo che scaturì da quell’esperimento non fu mai più la stessa. In qualche modo quella era la dimostrazione inconfutabile che l’osservazione modificava la realtà osservata, facendo comparire dal nulla la materia, là dove si posava l’attenzione dell’osservatore.   

La presenza di numerose bande chiare presenti sulla seconda lastra dimostrava che la materia, quando non osservata, si presenta come un’impalpabile onda. Un’onda invece di una solida particella. Ma cosa vuol dire questa cosa? Ad una più attenta analisi, si scoprì che quell’onda rappresenta semplicemente la probabilità di trovare la particella in un certo punto dello spazio tempo. Niente di fisico o di tangibile, quindi, solo una probabilità.

Ma dove va a finire quella particella quando non viene osservata? Potremmo dire dappertutto, e nello stesso tempo da nessuna parte, questa è l’unica risposta sensata che si può dare a questa domanda. Di fatto quella particella non esiste quando non osservata, perché al suo posto c’è qualcosa di totalmente immateriale, senza confini, che permea l’intero spazio. C’è solo una probabilità, qualcosa che non esiste in questo mondo materiale, se non come idea, o concetto, espresso attraverso una serie di formule matematiche. C’è solo “l’informazione” della potenziale esistenza di una particella.

UNA REALTA’ A DUE LIVELLI

L’esperimento delle due fessure ci ha quindi dimostrato che una particella può apparire solo come il risultato del “collasso” dell’onda che la descrive. Si parla di “collasso” perché l’onda senza confini che permea l’intero spazio è come se si concentrasse istantaneamente in un unico punto per trasformarsi nella particella osservata.

Ci si rese conto che la fisica quantistica aveva finalmente alzato il velo sulla realtà delle cose, rivelando uno strano mondo composto da due diversi livelli. Esiste un primo livello, che potremmo definire “immateriale”, dove non esiste né tempo né spazio, fatto solo di “onde di probabilità”, un livello dove esiste qualsiasi cosa in forma “potenziale” ed “inespressa”. Il secondo livello invece è quello a cui appartengono le cose “materiali”, il mondo cioè che possiamo sperimentare con i cinque sensi, dove il tempo e lo spazio la fanno da padroni.

Le onde del primo livello esprimono il concetto, o l’idea delle cose che poi appaiono al secondo livello. Le potremmo chiamare forme-pensiero, perché composte di impalpabili pensieri che danno forma alle cose materiali che possiamo sperimentare nel secondo livello. Solo idee, o concetti inespressi, quindi, che quando vengono espressi attraverso l’osservazione, altro non sono che gli oggetti materiali che sperimentiamo con i cinque sensi, espressione fisica di quei concetti.

Fu a tutti chiaro che, affinché una particella possa comparire, deve necessariamente esistere in precedenza un’onda che la descrive. Nulla può esistere quindi al secondo livello, quello materiale, senza che al primo livello venga concepita la sua “idea” o forma-pensiero.

Ma come fa un’onda a collassare e a manifestare nel secondo livello una particella? In altre parole, come fa a concretizzarsi questo meccanismo di creazione? Beh, se siete stati attenti avrete intuito che, dato che è l’osservazione ad operare questa “magia”, probabilmente ha a che fare con l’osservatore, cioè con noi stessi, esseri dotati di una coscienza. La totalità di tutte le forme-pensiero, quindi, che può essere considerata alla stregua di energia «potenziale», ha bisogno di essere “osservata” per potersi esprimere nel mondo reale.

Ma cosa vuol dire esattamente “osservare”? Qui non stiamo parlando dell’osservazione fatta con gli occhi, naturalmente, perché ci stiamo riferendo ad un’onda che, in quanto espressione di un’idea o di un concetto, non può che essere osservata da una mente. Si tratta quindi di una scelta, nient’altro che un processo di “scelta”, o di “estrazione” fatta tra tutti gli infiniti pensieri che una mente può concepire.

La creazione della realtà quindi è alla fine nient’altro che una scelta, una scelta ponderata, che possiamo paragonare a un meccanismo di «attuazione» di un’Idea Primaria, esistente in principio solo in una forma potenziale e inespressa. Essa si esprimerà nel modo esatto in cui noi le permettiamo di esprimersi. In quanto esseri coscienti operiamo la scelta costantemente, ogni qual volta posiamo la nostra attenzione su di un’idea, o su un concetto.

LA MENTE COME STRUMENTO DI “ATTUAZIONE” DELLA REALTA’

Ecco allora svelato il nostro ruolo in questo magico processo di creazione. Rappresentiamo di fatto il ponte di collegamento tra i due livelli, una sorta di «attuatori» dell’infinito potenziale esistente al primo livello, che per sua natura, come abbiamo visto, ha bisogno di essere “riconosciuto” e quindi “scelto” per potersi esprimere nel mondo cosiddetto “reale”.

Un fantastico meccanismo ideato per permette a una mente “divina” di sperimentare sé stessa e gioire della possibilità di creare un mondo a sua immagine e somiglianza? Chissà, nessuno può dirlo con certezza. Ognuno è libero di trarre le sue conclusioni.

Paolo Marrone


Se vuoi ricevere i miei post nella tua casella di posta, iscriviti alla newsletter cliccando il pulsante che trovi in basso nella pagina. Grazie.

Guarda la lista dei libri consigliati

Tafti la Sacerdotessa Book Cover Tafti la Sacerdotessa
Vadim Zeland
Legge di Attrazione
Om Edizioni
2019
15x21cm
254

"Tafti la Sacerdotessa" è il nuovo libro che stavano aspettando da tempo tutti gli ammiratori di Vadim Zeland, l'esperto di fisica quantistica che ha fatto conoscere a tutto il mondo il Transurfing, un modo nuovo di interpretare la realtà e di "governare" il proprio destino.

Nel libro sono descritte le tecniche di Tafti, "che sono molto più potenti di quelle del Transurfing". Esse si presentano come un'integrazione significativa e un livello nuovo e superiore di Transurfing... (Continua)

Informazioni su Paolo Marrone

Da anni si occupa dello studio delle vere leggi dell’Universo, attraverso la riscoperta dei profondi legami esistenti tra le antiche dottrine orientali e le più recenti scoperte nel campo della fisica quantistica. Ha intrapreso da tempo un percorso di crescita personale attraverso la partecipazione a scuole dei migliori coach a livello mondiale, come la School of Enlightenment di Ramtha, la Mastery University di Anthony Robbins e il Quantum Leap di T. Harv Eker, solo per citare le più importanti, e ama condividere le sue scoperte e le sue riflessioni su questo blog. E’ anche co-autore di “La via della Creazione Consapevole” e autore de "Il monaco che non aveva un passato".
Questa voce è stata pubblicata in Crescita personale, Fisica Quantistica, Legge di Attrazione e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

2 risposte a “Attuatori” di un Disegno Divino?

  1. Alessandro scrive:

    Sig. Paolo buongiorno,
    seguo i suoi interventi su questo blog solo da alcuni giorni, ma ho divorato ogni parola.
    A volte ho trovato conferme, altre ho trovato risposte a domande che ancora non mi ero posto.
    Vorrei tuttavia porLe due questioni, per le quali in questo blog non ho trovato un riscontro o un riscontro netto ed univoco: la prima riguarda la morte e nello specifico, la morte dell’ego.
    La morte è dinamica che attiene alla proiezione illusoria del corpo. Lei ha definito l’ego “quella parte di noi che ci permette di sentirci ‘unici’ e ‘separati’ dagli altri” la cui funzione è intrinseca alla discesa nella materia da parte della Coscienza.
    Dunque la morte fisica – ponendo fine all’illusione della separazione – renderebbe superflua la sopravvivenza dell’ego. Purtroppo per quanto ognuno di noi cerchi di destarsi e restar desto dall’addormentamento cronico di cui anche Lei parla spesso, la verità è c’è sempre un’identificazione con l’ego. E quest’ultimo infatti che teme la morte, che non l’accetta e che fa quindi il possibile per evitarla seppure si possa dire che, la Coscienza invece aneli al ricongiungimento col Tutto.
    La Coscienza sarà anche eterna ma se la morte uccide solo l’ego (a parte il corpo, ovviamente), con esso muore anche ciò di cui all’ego importava “in vita”, ad esempio le persone a noi care. Finita l’illusione, cadono anche le gabbie concentriche.
    E’ quindi di grande consolazione sapere di essere eterni, ma l’ego non accetta il disinteresse per ciò che lasceremo, disinteresse che sarebbe connaturato alla Coscienza come l’ego lo è per l’esistenza. Condivide questo mio assunto? Con la morte, vedremo i nostri affetti come nient’altro che i personaggi di un film?
    La seconda questione è più semplice invece, ma in qualche modo collegata alla prima.
    Comprendere di star proiettando fuori da me, ciò che è in me mi sta facendo sentire al centro del mio universo. Sono più sereno ma da qualche tempo sento anche una profonda solitudine. Se anche “gli altri” sono una proiezione della “mia” Coscienza, allora sono da solo in un labirinto di specchi deformanti.
    Condivide questo senso di solitudine? E in ogni caso, questo implica che anche gli affetti sinceri siano solo illusori? (da qui anche uno spunto per la risposta alla prima questione).
    La ringrazio anticipatamente se vorrà rispondermi.

    • Paolo Marrone scrive:

      Carissimo Alessandro, nella tua prima domanda parti da un assunto che non è del tutto vero. La morte fisica non è un corso accelerato di illuminazione, pertanto non è vero che si ha coscienza dell’illusione in cui si viveva. Nella morte si mantiene la consapevolezza che si era raggiunta in vita, pertanto si continua a perpretare il sogno. Si crea la realtà in base alle proprie credenze, e lo si continua a fare anche dopo la morte fisica. L’ego pertanto, inteso come credenza nella separazione, continua ad esistere, magari in una forma diversa a causa della mancanza del corpo, ma comunque si continua a vedere altri esseri e a crederli “separati” da noi. Riguardo agli affetti, non si può che continuare a voler bene alle persone amate in vita, non può essere altrimenti, e anche ammesso che si dovesse raggiungere un livello di consapevolezza maggiore, l’effetto non potrà che essere ancora di maggiore amore, nel momento in cui dovessimo realizzare che i nostri cari non erano altro che parti riflesse di noi stessi. Più si va verso la consapevolezza dell’Uno, più si prova amore incondizionato per tutti, riconoscendoli parti di noi. Riguardo alla seconda domanda, la sensazione di solitudine è normale, e fa parte dei vari stadi di questo percorso di crescita. E’ un effetto del credere nel fatto di essere i creatori di questa illusione, ma nello stesso tempo essere ancora legati al concetto di “identità”, identificandoci col nostro corpo e la nostra mente. Lo si supera in seguito in modo naturale nel momento in cui si realizza che anche ciò che crediamo di essere (la persona con nome e cognome in cui ci identifichiamo) in realtà non esiste, e che siamo fatti di pura Coscienza, all’interno della quale accadono cose e appaiono persone. Siamo il contenitore in cui appare l’intero universo, incluso il nostro corpo. Nel momento in cui ci disidentifichiamo rispetto al corpo e alla mente, scompare necessariamente anche la sensazione di solitudine. Se si è Tutto, e nello stesso tempo “nessuno”, il concetto di solitudine non ha più alcun senso.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la cifra mancante: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.