E’ impossibile sbagliare

impossibile sbagliareQualsiasi decisione prendiamo è comunque la decisione giusta. E’ impossibile sbagliare, e in questo articolo scopriremo perchè.

Sicuramente vi sarà capitato di dover andare in qualche posto, e di non conoscere la strada. Oggi, con l’utilizzo di un navigatore GPS, è semplicissimo trovare il percorso migliore che ci conduce a destinazione, basta impostare l’indirizzo di arrivo e seguire alla lettera tutte le indicazioni che ci vengono fornite.

Bene, vi sarà anche capitato di deviare dalla strada indicata, o perchè costretti a causa di qualche deviazione obbligatoria, o semplicemente perchè avete ‘mancato’ la svolta indicata e vi siete quindi ritrovati su di una strada che non era sul percorso prestabilito.

Qualsiasi buon navigatore, a questo punto, raramente vi chiederà di tornare sui vostri passi, ma provvederà quasi sicuramente a ricalcolare un percorso alternativo che vi condurrà comunque alla destinazione prevista.

Ebbene, quello che sto per dirvi è che, così come succede per il navigatore, anche nella vita di tutti i giorni esiste sempre la possibilità di arrivare al risultato desiderato, indipendentemente dalle decisioni che prendiamo.

In altre parole, è letteralmente impossibile sbagliare decisione. Avete capito bene: è impossibile da un punto di vista fisico, quindi è una delle Leggi Eterne e inviolabili dell’Universo.

Dipende solo dal pensiero

Cosa mi fa affermare una cosa del genere? Se siete dei lettori assidui di questo blog avete sicuramente letto in qualche articolo precedente che il pensiero è la causa di qualsiasi evento accade nella nostra vita, bello o brutto che sia. Nulla infatti può esistere senza che sia stato prima immaginato al livello del pensiero.
Chi ha letto il mio libro “La via della Creazione Consapevole” sa dell’esistenza dei due livelli su cui si basa qualsiasi creazione: il livello spirituale e quello materiale, e di come questi interagiscano nel processo di materializzazione della realtà.

Qual è la chiave di questo meccanismo? Per comprenderlo dovete modificare il vostro punto di vista, e smettere di credere che il risultato finale dipenda dalla direzione presa.
Ricordate questo concetto fondamentale:

Il risultato finale dipende solo ed esclusivamente dalla nostra capacità di concentrarci sul risultato desiderato.

Nel caso del navigatore l’unica cosa importante è aver impostato la destinazione giusta. Non serve nient’altro, perchè quella singola informazione è più che sufficiente per fare in modo che possiate raggiungere la meta desiderata.
Possiamo affermare che il navigatore riesce sempre nel suo intento perchè è ‘focalizzato‘ sul risultato finale. E’ stato progettato per funzionare in quel modo, pertanto nulla al mondo potrà distoglierlo da quello scopo.

La parola magica allora è la ‘focalizzazione‘ del nostro intento sul risultato desiderato. Dato che è il pensiero a determinare qualsiasi cosa si manifesta nella nostra vita, l’unica cosa importante per la riuscita di qualsiasi iniziativa è focalizzarsi con tutto il proprio essere sul risultato voluto.

L’errore che comunemente facciamo è quello di pensare invece a tutti gli ostacoli che potremmo incontrare, finendo così col distogliere la nostra attenzione dalla soluzione, per concentrarla esclusivamente sul problema.
Qualcuno a questo punto potrebbe obiettare che analizzare i possibili problemi è importante per evitare di fare errori, e che rimanere seduti pensando solo alla soluzione finale non ci porterebbe da nessuna parte.

Apparentemente questo ragionamento potrebbe sembrare giusto, ma è importante arrivare a concepire il modo in cui le cose accadono veramente. Innanzi tutto, teniamo bene in mente che pensando ai possibili problemi non facciamo altro che ottenere la materializzazione di quei problemi.

L’altro aspetto importante da considerare è che l’Universo esaudisce immediatamente il nostro desiderio, anzi più esattamente quel desiderio è già esaudito da qualche parte nello spazio-tempo. L’Universo quindi si mette subito in moto per condurci a quel risultato, esattamente come farebbe un navigatore GPS. Ed esattamente come fa un navigatore GPS, ci da costantemente indicazioni per portarci al risultato voluto. Come? Certamente non con una soave vocina che ci indica tutte le decisioni da prendere, sarebbe troppo bello (ma forse anche troppo noioso).
L’Universo ci indica la strada attraverso quelle che noi chiamiamo ‘coincidenze’. Lo può fare in qualsiasi momento e in modi del tutto inaspettati, come per esempio una frase che ci viene detta da un conoscente, o una telefonata improvvisa e inaspettata, o una intuizione che ci balza improvvisamente nella mente.
Ecco allora che l’azione è sì necessaria, ma diventa davvero efficace solo se è guidata dai segnali che riceviamo e che riusciamo a riconoscere.
Insomma, abbiamo tutti gli strumenti per riuscire in qualsiasi impresa, e la cosa più interessante è che possiamo farlo indipendentemente dalla strada che scegliamo di intraprendere.

L’unica cosa davvero importante è rimanere focalizzati sulla soluzione finale, e prestare molta attenzione a tutti i segnali che l’Universo ci manda per metterci sulla giusta strada. Non preoccupatevi, perchè anche se ‘manchiamo’ qualche indicazione, l’Universo ricalcolerà immediatamente il percorso, e ci condurrà comunque dove desideriamo andare, a patto che si rimanga focalizzati sull’obiettivo finale.
In altre parole, per chi sa come si fa è impossibile sbagliare.

Paolo Marrone



Se vuoi ricevere i miei post nella tua casella di posta, iscriviti alla newsletter cliccando il pulsante che trovi in basso nella pagina. Grazie.


lettura_small

Ti piacerebbe approfondire questi argomenti?

Guarda la lista dei libri consigliati

Le Coincidenze Book Cover Le Coincidenze
Deepak Chopra
Coincidenze e sincronicità
Pickwick
2013
12,5x19,5
235

Deepak Chopra ha dedicato anni di studio alle coincidenze e al modo solo apparente in cui queste plasmano e modificano il corso della nostra vita.

Le coincidenze significative - quelle che accadono a seguito di un'intenzione consapevole o no - sono infatti il mezzo tramite il quale è possibile entrare in connessione con il campo delle infinite possibilità ancora incompiute.

Seguendo sette principi l'autore aiuta a raggiungere il luogo - al di là di qualunque fisicità - dove avvengono i miracoli per realizzare quello che ciascuno si è sempre prefissato di raggiungere nella vita.

(Continua)

Info su Paolo Marrone

Da anni si occupa dello studio delle vere leggi dell’Universo, attraverso la riscoperta dei profondi legami esistenti tra le antiche dottrine orientali e le più recenti scoperte nel campo della fisica quantistica. Ha intrapreso da tempo un percorso di crescita personale attraverso la partecipazione a scuole dei migliori coach a livello mondiale, come la School of Enlightenment di Ramtha, la Mastery University di Anthony Robbins e il Quantum Leap di T. Harv Eker, solo per citare le più importanti, e ama condividere le sue scoperte e le sue riflessioni su questo blog. E’ anche co-autore di “La via della Creazione Consapevole” e autore de "Il monaco che non aveva un passato".
Questa voce è stata pubblicata in Legge di Attrazione e contrassegnata con , , , , , . Contrassegna il permalink.

14 risposte a E’ impossibile sbagliare

  1. Luigi scrive:

    Grazie Paolo, sempre molto perspicace e azzeccati negli esempi.
    ti vorrei chiedere però come fa uno, che sta male fisicamente con dei sintomi dolorosi e difficili da superare e che vuole tornare in salute e stare bene, a non pensare ai sintomi che il corpo sta manifestando e poter focalizzarsi sul suo desiderio di Salute?
    grazie
    Luigi

    • Paolo Marrone scrive:

      Carissimo Luigi, come avrai notato nel mio blog non affronto quasi mai l’argomento salute, perchè è sempre molto difficile individuare la causa del problema e dare utili consigli alla loro risoluzione. L’unica cosa che mi sento di poter dire è che, come ho scritto in questo articolo, qualsiasi problema fisico dipende sempre da una causa psicosomatica, pertanto il mio consiglio è quello di affrontare con decisione la vera causa primaria del disturbo. Un buon aiuto può venire dalla metamedicina, che affronta proprio questo tipo di problematiche. Se si riesce infatti ad individuare la causa prima del problema, si può agevolare notevolmente il processo di guarigione. A tal proposito ti consiglio la lettura dei libri di Claudia Rainville, riconosciuta come una delle maggiori esperte di questa disciplina.

  2. Luigi scrive:

    Grazie per la risposta Paolo. Una piccola nota comunque ci sarebbe da fare agli studiosi della legge di attrazione. Penso che la Salute sia un’area importante se non la più importante della vita. Pertanto escludere la trattazione di questo tema nell’ambito della legge di attrazione credo sia un grave errore.
    Ciao
    Luigi

  3. arja purontaka scrive:

    Caro Paolo Ti sono molto grato di tutto quello che scrivi. Sei veramente un grande!
    ciao
    Arja

  4. Alessandra scrive:

    Interessante e riconosco che è vero, Paolo c. Nel suo libro l’alchimista dice che ” qualunque sia il nostro desiderio, tutto l’universo si attiva per aiutarti a realizzarlo”.

  5. marisa scrive:

    Caro Paolo, vorrei porti una domanda che mi riguarda: i desideri sono tanti, mi sembrano troppi, forse è per questo che mi sembra di non raggiungerne nessuno? L’ Universo è confuso quanto me. Marisa

    • Paolo Marrone scrive:

      Carissima Marisa, hai il diritto di avere tutti i desideri che vuoi. Devi però metterli in chiaro, non tenerli solo nella tua mente. Ti consiglio di eseguire la tecnica dei 101 desideri di Igor Sibaldi, se non l’hai già fatto. Questo ti permetterà di metterli per iscritto e chiarire con te stessa quali sono i tuoi veri desideri.

  6. Fabiana scrive:

    grazie Paolo …mi stavo chiedendo come fai a scrivere esattamente quello di cui ho bisogno di leggere …proprio in quel momento…quasi costantemente…vedi a volte le coincidenze…

  7. Luciano scrive:

    Ho letto molto sull’argomento ma alla fine di ogni libro resta un unico interrogativo irrisolto come del resto per questo post: le tragedie di massa che senso hanno? Tra 2000 profughi che muoiono annegati nel canale di Sicilia quanti di loro erano partiti con la “giusta” determinazione?

    • Paolo Marrone scrive:

      Carissimo Luciano, di solito non amo rispondere a questo tipo di domande, perchè la risposta potrebbe non piacere, e dare adito a errate interpretazioni da parte di persone ad uno stadio ancora primordiale di consapevolezza. Il problema è che noi crediamo di poter giudicare con assoluta certezza cosa sia sbagliato e cosa giusto. Ci poniamo troppo spesso su di un piedistallo, ignorando il fatto che esiste un Disegno molto più grande, che la nostra piccola mente non può vedere nè concepire. Dobbiamo entrare nell’ottica che tutto ha un fine, anche ciò che apparentemente sembra non averlo. Più che del problema, però, mi piace parlare della soluzione. Non dobbiamo credere di essere estranei e non responsabili a livello personale di tutto ciò che accade nel mondo. Vogliamo un mondo migliore senza ingiustizie ed atrocità? L’unico modo, e sottolineo l’unico, è quello di lavorare su noi stessi al fine di eliminare le nostre ‘piccole guerre’ quotidiane, smettendo di vedere il mondo come separato da noi e di scorgere nell’altro un potenziale nemico. Migliora te stesso per migliorare il mondo. Ogni altra strada è solo un’illusione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inserisci la cifra mancante: * Time limit is exhausted. Please reload CAPTCHA.